↑ Torna a 2009

PER LE ARTI E PER IL DENARO

LOCANDINA

Roma  4/13 settembre 2009

La Bilancia, Zetema, Comune di Roma

VILLA TORLONIA

PER LE ARTI E PER IL DENARO

testi di Belli, Pascarella, Mannaro, Trilussa

elaborati da Michele La Ginestra e Roberto Marafante

Attori:

Michele La Ginestra

Sergio Zecca

Andrea Martella

Giancarlo Porcari

Francesca Baragli

Alessia Lineri

Claudio Vanni

Musiche: Gioacchino Rossini

Costumi e ambientazione: Giusy Nicoletti

Disegno luci: Stefano Valentini

Progetto acustico: Tiziano Stampete

Aiuto regia e movimenti coreografici: Lilla Vancheri

Ricerca storico-letteraria: Valentina D’Amato

Direttore di scena: Federico Paffetti

Organizzazione generale: Stefano Marafante | Alberto Cassarino

APPUNTI DI REGIA

Nella sua magnifica veste, Villa Torlonia si apre al pubblico. Il principe Torlonia divenne intorno al 1840 celebre in tutta Europa per il lusso e lo sfarzo delle sue feste; era questo il modo in cui, all’epoca, un borghese arricchito poteva ottenere il riconoscimento e il consolidamento sociale. Tra gli invitati vi fu Giuseppe Gioacchino Belli e Stendhal che disse che il principe Torlonia viveva «per le arti e per il denaro», ma anche, come racconta sempre il Belli, per la gioia di sentirsi affibbiare dalla plebe il titolo di “salvatorello di Roma”.

RASSEGNA STAMPA

Una serata di teatro e arte a Villa Torlonia in compagnia delle poesie del Belli e delle musiche Rossini. E un «palcoscenico diffuso», quasi sparpagliato, negli angoli più insoliti del parco.

Carlotta de Leo – Corriere della Sera 9 settembre 2009

…uno spettacolo intenso, divertente, originale e trascinante, capace di coniugare la bellezza artistica degli scorci monumentali e paesaggistici più preziosi ed importanti di Roma con un allestimento teatrale di indiscusso fascino e grande intrattenimento frutto della sapiente regia di Roberto Marafante…

Andrea Cova – Salti in Aria (on line) 7 settembre 2009

Nella suggestiva ed affascinante atmosfera notturna della villa, proprio il Belli, interpretato da un efficace e simpatico Michele La Ginestra, ci porta indietro nel tempo per farci rivivere e gustare il sapore dei tempi antichi. La festa diventa il pretesto per raccontare la Roma di quegli anni attraverso la disarmante, semplice schiettezza del linguaggio del popolo.

Ilda Ippoliti – IL Foyer (on line) 6 settembre 2009

Permalink link a questo articolo: http://www.robertomarafante.it/teatro/2009-2/per-le-arti-e-per-il-denaro/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>